Relazione Assemblea dei soci 2017

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
AVIS ha come finalità istituzionali prioritarie la promozione del dono del sangue e dei corretti stili di vita, pertanto anche la nostra Sezione ha perseguito questi obiettivi in via prioritaria attraverso l’impegno dei consiglieri e collaboratori.
Non meno importante la raccolta di sangue con i prelievi in sede, attraverso l’impegno comune con AVIS Provinciale e i nostri soci donatori, abbiamo potuto raggiungere gli obiettivi prefissati in relazione alle richieste.
Infatti, con l’attuazione del nuovo piano sangue e del sistema qualità, le modalità di chiamata si sono evolute. Ora sono programmate in base alle reali scorte, al fine di ottenere la massima razionalizzazione delle risorse: il sangue effettivamente necessario in relazione al fabbisogno del Sistema sanitario. Nel proseguo della relazione puntualizzeremo alcuni dati significativi su tale argomento.
In quest’ occasione volevamo anche esprimere personalmente un’indicazione in merito ai casi delle presunte emergenze sangue presentatesi nel corso del 2016. Troppo spesso i mass media si scatenano in lanci allarmistici, soprattutto in occasione di calamità naturali, parlando di emergenze sangue. Anche recentemente durante il sisma del centro Italia si è assistito alla corsa dei donatori, periodici e occasionali, ai centri trasfusionali causando notevoli problemi organizzativi.
I donatori, come ha confermato anche in quei giorni in una nota AVIS Nazionale, devono sapere che esistono organismi regionali e provinciali che gestiscono le scorte di sangue sia nella routine che in occasione di emergenze particolari: l’intera raccolta di questo prezioso elemento e la singola chiamata avvengono dopo una precisa analisi.
Questo continuo e puntuale monitoraggio deve tranquillizzare i donatori e i cittadini: la programmazione della raccolta del sangue è gestita sempre con la massima serietà sia nell’ordinario che nella straordinarietà.
Le iniziative salienti del 2016 si concentrano nell’attività verso le generazioni più giovani.
Intanto, Cioccolandia, ove abbiamo organizzato insieme alle altre Associazioni del dono (AIDO e ADMO in primis) e in collaborazione con il SISM, l’Ospedale dei pupazzi che ha visto la numerosa partecipazione di intere famiglie con bambini festanti. Queste hanno potuto entrare in contatto con le cinque Associazioni del dono all’interno della Piazza del dono, attrezzata con un efficiente punto informativo. L’iniziativa, siamo convinti, sia da ripetere ancora per il prossimo anno in considerazione dei risultati ottenuti.
Sempre prioritaria è l’attività formativa ed educativa svolta con le classi terze della Scuole secondarie attraverso il progetto Solidarietà in Rete. AIDO, Croce Rossa, AVOPRORIT, LILT e AVIS si sono ancora rivolte agli studenti proponendo un’attività interattiva per stimolarli all’impegno civile e alla solidarietà, intesa come possibilità concreta di miglioramento della comunità. Si sono poi potute presentare in questo momento anche tutte le associazioni con le loro finalità.
In collaborazione con AVIS Borgotaro, e con l’aiuto fondamentale economico e organizzativo di Barilla, si è potuto concretizzare anche a Medesano il Progetto “Straburgu”, un percorso articolato sui corretti di stili di vita sviluppato presso le Scuole secondarie.
Il progetto si è svolto attraverso incontri teorici in classe con la presenza di nutrizionisti e un laboratorio di cucina curato dai cuochi dell’Accademia Barilla. La conclusione a Borgotaro per la manifestazione sportiva “Straburgu” non ha potuto vedere la presenza degli studenti medesanesi a causa delle avverse condizioni meteo, tuttavia riteniamo anch’essa un’iniziativa da ripetere.   
Anche quest’anno, grazie alla sensibilità e disponibilità delle maestre e dell’Istituto Comprensivo, abbiamo potuto incontrare i bambini delle Scuole dell’infanzia nel momento delle festività pasquali. Un’occasione importante per accennare brevemente ai concetti basilari legati al dono.
AVIS Medesano ritiene essenziale una rete molto solida e stretta tra l’Associazionismo locale per aumentarne l’efficacia e l’efficienza quindi essere uno spazio di partecipazione pubblica e lo strumento per migliorare la comunità. E in quell’ottica ci siamo impegnati.
Rileviamo ancora parecchie criticità ma pensiamo che sia necessario ancora lavorare concretamente in tal senso. La Festa del Volontariato è solo una delle attività sviluppate nell’anno passato. Non dimentichiamo che nell’arco di quindici giorni il Coordinamento è riuscito ad organizzare l’iniziativa “Un’amatriciana per Amatrice” insieme all’Amministrazione Comunale. La cena benefica in favore dei terremotati del Centro-Italia resta un piccolo esempio di collaborazione tra le Associazioni e le Istituzioni che possono attuarsi concretamente.
Si è finalmente concretizzata, attraverso il determinante supporto dell’Associazione “Il futuro”, una seduta di idoneità straordinaria il 5 dicembre u.s. per gli aspiranti donatori della numerosa comunità islamica locale. Preceduta da un partecipato incontro informativo, condotto dalla Dottoressa Fiorella Scognamiglio, responsabile dell'unità di raccolta dell'AVIS Provinciale di Parma, la seduta ha visto la presenza di oltre venti tra uomini e donne. Riteniamo la donazione un ottimo modo per favorire l’integrazione e crediamo sia necessario proseguire su questo cammino.
Anche quest’anno abbiamo aderito convintamente alla raccolta fondi legata alla maratona televisiva di Telethon a Dicembre, attivando il punto informativo a Ramiola presso il Supermercato Paladini. Costante la partecipazione dei cittadini, inalterata l’importanza dell’azione di questa Fondazione per la ricerca sulle malattie genetiche. Riteniamo sarebbe importante coinvolgere altre Associazioni per aumentare l’efficacia sul nostro territorio.   
In sintesi ora qualche dato statistico sull’andamento complessivo dell’attività donativa nel corso del 2016.
Anche quest’anno abbiamo avuto un piccolo calo: 10 donazioni rispetto alle 505 del 2015, attestandoci ad un -1,98% (media provinciale -2,3%). Le donazioni di sangue intero si sono ridotte di 13 unità passando da 470 a 457 (-2,77%), registriamo invece un incremento di 7 unità sul plasma passando da 31 a 38 mentre una perdita di 4 unità passando da 4 a 0 unità di piastrine. Tutto ciò passando da 380 donatori attivi ai 373 della fine 2016.
Occorrerà ancor di più impegnarci per sensibilizzare, coinvolgere e motivare i donatori monitorando le chiamate e la partecipazione, anche grazie all’aiuto della segreteria sanitaria della Sezione Provinciale, la quale dovrà fornirci l’invio puntuale di questi dati così utili. Durante l’anno passato abbiamo avuto 29 nuovi iscritti di cui 21 hanno donato almeno una volta, mentre i dimessi sono stati 39.
Vorremmo anche accennare alle modalità di chiamata attraverso prenotazione. Considerata l’esperienza ormai consolidata di questo metodo di accesso e il gradimento riscontrato tra i nostri donatori, con le prenotazioni al 75% della totalità delle donazioni, riteniamo che una corretta informazione dei vantaggi per i donatori, porterebbe portare la percentuale vicina al 95%.
La proposta è di lasciare comunque l’accesso libero, ma incentivando la prenotazione. In questa ipotesi si snellirebbero le procedure ed aumenterebbe la soddisfazione tra i donatori, avendo una drastica riduzione dell’attesa e un flusso regolare per tutta la durata della seduta di donazione.
Ora passiamo alle attività che vorremmo sottoporre per la discussione assembleare.
Le priorità riteniamo siano sempre inalterate: attenzione verso il mondo giovanile attraverso progetti educativi e formativi, aumento degli spazi di dialogo con le comunità dei nuovi cittadini medesanesi, rete con le altre Associazioni e collaborazione attiva con le Istituzioni e l’incremento della presenza sul territorio per aumentare la cultura del dono.
Fondamentale sarà proseguire tutta l’attività con le Scuole di ogni ordine e grado con i progetti “Straburgu”, “Solidarietà in rete” e “Rosso sorriso”, un nuovo progetto che vede protagonisti i bambini delle Scuole dell’infanzia di Sant’Andrea Bagni e Varano Marchesi.
Proseguire l’impegno all’interno del Coordinamento del Volontariato medesanese attraverso la progettualità e l’azione, ricercando un sempre maggiore coinvolgimento di tutte le realtà del Volontariato.
Da riproporre certamente l’Ospedale dei pupazzi in occasione di “Cioccolandia”: insieme a SISM e alle altre Associazioni del dono per informare correttamente i tanti cittadini che intervengono a questa bella manifestazione.
A Dicembre poi sosterremo la Fondazione Telethon attrezzando stand informativi e per la raccolta fondi a favore della ricerca sulle malattie genetiche. 
Altre attività potrebbero concretizzarsi ma sono soggette al fondamentale aiuto pratico dei volontari. Infatti, tutto ciò si potrà realizzare anche grazie ad un ulteriore supporto da collaboratori, soci e cittadini che si vorranno aggregare in questo entusiasmante cammino.
Siamo giunti alla fine di questa relazione e vorrei ringraziare tutti i partecipanti a questa Assemblea elettiva, l’intero Consiglio Direttivo uscente, i revisori dei conti, i nostri collaboratori e il Direttore Sanitario Dott. Giorgio Bernier per il lavoro svolto nell’anno appena trascorso. Un ringraziamento particolare anche a Fabrizio Accarini che dopo molti anni di AVIS ha deciso di interrompere la sua attività in seno al Consiglio direttivo. 
Ringraziamo, gli esercizi commerciali e le aziende del nostro territorio che ci hanno sostenuto con offerte nonostante la crisi economica attuale.
Esprimiamo riconoscenza alle Associazioni di Volontariato del Comune di Medesano che condividono con noi valori, momenti di sensibilizzazione e iniziative comuni.
Grazie alle persone che con la propria firma, attraverso il 5x1000, ci aiutano e forniscono la concreta possibilità di continuare le attività associative.
Un doveroso ringraziamento anche all’Amministrazione Comunale per il supporto concreto e continuativo verso la nostra Sezione.   
Infine, estrema gratitudine per tutti i soci donatori di Medesano che rispondono con continuità al bisogno e ai collaboratori che rendono possibili le iniziative ideate.
Buon lavoro a tutti.
Medesano, 24 febbraio 2017                                                         
Per il Consiglio Direttivo,
il Presidente Michele Francia 
Allegati:
Scarica questo file (Relazione Morale 2017 rev3.pdf)Relazione del Consiglio 2017355 kB
Categoria: /